Lezione di Pittura Acrilica ⊱ Una storia risorge ( natura morta ) 5/5 (2)

image_pdfimage_print

Lezione di Pittura Acrilica ⊱ Una storia risorge

In questa lezione mostro passo dopo passo come dipingere una natura morta, in particolare ritraggo una scena scelta, composta e fotografata da me.

Prima di iniziare, vi elenco il materiale artistico necessario per seguire la lezione:

Colori acrilici “Acrilico Amsterdam” di Royal Talens:

  • Bianco di Titanio
  • Grigio Neutro
  • Giallo Azo Chiaro
  • Giallo Oro (o Giallo Ocra)
  • Terra d’Ombra Bruciata
  • Rosso Pyrrole
  • Blu di Cobalto (o Blu Oltremare)
  • Blu cielo (o Blu brillante)
  • Verde Permanente Scuro

Pennelli per pittura acrilica:

  • Pennello Punta Tonda, setole sintetiche, numero 2 e numero 5.
  • Pennello Punta Piatta, setole sintetiche, numero 6.
  • Pennello Bombato, setole naturali morbide (ritagliate a mano) numero 5.
  • Pennello per tracciare linee, setole sintetiche, numero 1 (anche il numero 2 va bene).
  • Spatola Maimeri per pittura nr. 23 (ma vi consiglio di usare la numero 4).

Altro materiale artistico che ho utilizzato:

  • Cartone telato 30 x 40 cm, 100% cotone, grana fine.
  • Piatto di ceramica da usare come tavolozza (meglio usare una tavolozza in legno naturale).
  • 2 contenitori con acqua pulita.
  • Panni assorbenti (o carta assorbente).
  • Righello lungo almeno quanto il cartone telato.

Materiale artistico raccomandato:

Potete utilizzare il materiale artistico che preferite. Tuttavia vi consiglio di adoperare quello che vi raccomando per seguire questa lezione.

Vai alla pagina: materiale artistico raccomandato

Una storia risorge ⊱ Parte 1 di 3

Nella prima parte del video vi mostrerò passo dopo passo come dipingo i colori base coi quali inizio il processo creativo del dipinto.

Realizzo lo sfondo con diverse tinte, in maniera libera e improvvisando le pennellate. Tuttavia presto attenzione a dipingere bene in prossimità del contorno delle sagome.

Con il bianco e un tono grigio dipingo i colori base delle tazzine e dei loro piattini. Per il vaso mescolo un colore rosso che tende ad un marrone e ne dipingo il colore base.

Il tavolo lo dipingo un po’ alla volta, utilizzando colori che richiamano quelli presenti negli altri elementi del quadro. Dipingo parzialmente i colori base delle brocche, tranne le loro decorazioni che continuerò nel prossimo video.

Una storia risorge ⊱ Parte 2 di 3

Vediamo ora come dipingere le decorazioni floreali sulle brocche, le luci e le ombre su tutti gli elementi e alcuni dettagli sulla pianta.

Fare certi dettagli può essere difficile se non ci si prende il dovuto tempo per farlo.. ma non temete: il mio più sincero suggerimento è di essere pazienti, non avere fretta e prendersi tutto il tempo necessario per dipingere insieme a me (circa 2 ore in questo video).

Alla fine il vostro impegno sarà ricompensato, ne sono sicuro!

Una storia risorge ⊱ Parte 3 di 3

In questa parte porto a termine il dipinto, e vi mostro anche i ritocchi finali che ho fatto senza registrazione video. Niente di stravolgente, solo qualche accorgimento.

Inizio dipingendo le decorazioni sulle brocche con un color marrone abbastanza scuro. Poi con il bianco intensifico le parti in luce e con un tono grigio le parti in ombra non decorate delle brocche.

Con il bianco e un tono grigio dipingo rifinisco ombre e parti in luce delle tazzine e dei loro piattini. Finisco le tazzine e i piattini dipingendo le decorazioni cercando di farle somiglianti a quelle della fotografia ma in modo abbastanza libero.

Inizio dipingendo le parti in luce del bordo del vaso, mescolo un colore rosa mattone ed il bianco. Proseguo dipingendo le foglie della pianta, le loro ombre e i loro gambi.

Sul tavolo intensifico le ombre di tutti gli elementi un po’ alla volta con il pennello. Poi mi diverto a creare le texture con la spatola e a creare linee con il pennello liner.

Ritocchi finali:

Come spesso accade, faccio i ritocchi finali lontano dalla videocamera. Dopo aver concluso il video dimostrativo, spensi la videocamera e confrontai con calma il quadro con la fotografia.

Decisi dunque di aggiungere saturazione sul tavolo e sulle foglie della pianta, di fare alcuni bordi delle tazzine e dei piattini più spessi creando un rilievo con del bianco ben pastoso.

Dopo gli ultimi blandi ritocchi, decisi che il quadro era pronto. Lo firmai e dopo circa 24 ore passai 2 mani di vernice satinata.

Una storia risorge ⊱ Dipinto velocizzato

Divertitevi ora a guardare il video velocizzato della realizzazione di questo dipinto. Inoltre questo video può darvi un’idea generale di tutto il processo creativo in breve tempo. Buona visione!

Grazie per aver seguito questa lezione di pittura!

Mi auguro che vi sia piaciuta e che vi sia stata d’aiuto per i vostri progetti. Se avete piacere di commentare, se avete domande o dubbi, scrivete nella sezione commenti in basso a questo articolo.

Continuate a praticare. A presto.

Potrebbe interessarti anche:

Condividi

Lascia un commento