Come dipingere ad acquerello il paesaggio “Le montagne del Renon” Ancora nessun voto.

Come dipingere ad acquerello il paesaggio Le montagne del Renon
image_pdfimage_print

Ciao a tutti/e!
Oggi vi mostro come dipingere ad acquerello il paesaggio “Le montagne del Renon” che si trova qui in Alto Adige, nel nord Italia. Sono stato li a passeggiare quest’estate insieme a mia moglie, mia cognata e le nostre nipotine. Passammo col trenino da Renon a Collalbo e dalla finestra del trenino vidi questo bel paesaggio da dipingere. Scattai una fotografia di fortuna:

Nella dimostrazione si vede ogni passaggio in modo da poter poter essere seguita da chiunque, vi mostrerò varie tecniche passo dopo passo.

Materiale artistico

Di seguito vi elenco il materiale necessario per realizzare questo dipinto insieme a me:

– Acquerelli in pastiglie >>link<<
– Pennelli piatti, 1 grande e 1 medio >>link<<
– Pennello tondo piccolo >>link<<
– Carta per acquerello 25 x 35 cm da 300 gr, 50% cotone, grana grossa >>link<<
– Tavolozza pittorica bianca >>link<<
– Tavola di legno o MDF da 35 x 45 cm
– 2 barattoli d’acqua
– Nastro di carta
– Carta assorbente
– Spruzzino con dell’acqua
– Carta vetrata

Video dimostrativo: Come dipingere ad acquerello il paesaggio “Le montagne del Renon”

Nota bene: anche se possiedo acquerelli professionali, i colori che uso nel video sono acquerelli scolastici della Pelikan e li uso perché voglio dimostrarvi che avere degli acquerelli di alta qualità, non ci garantisce che realizzeremo un opera da maestro. Fate tanta pratica con “meno mestiere” per poi fare “il salto” ad una linea di colori, pennelli e carta più costosi quando vi sentirete pronti.

Spero che questo articolo vi sia d’aiuto e se vi piace esprimete il vostro voto qui in basso gentilmente, commentate, condividete e iscrivetevi al blog per non perdere i prossimi articoli!

Mi raccomando: praticate e continuate a praticare!
I miei migliori saluti,
Patrick Ezechiele

Vedi anche la pagina: Materiale artistico raccomandato

Potrebbe interessarti anche:

Condividi

Lascia un commento